Calendario scolastico 2011-2012

Anche se con ritardo rispetto agli altri anni, il primo agosto il Ministero ha emanato il calendario nazionale dell’anno che verrà. Con ORDINANZA n.68 dell’1.8.2011 – Prot. n. 5410, il Ministro dell’Istruzione all’art. 5 ha stabilito il calendario delle festività, in conformità alle disposizioni vigenti, relative all’anno scolastico 2011/2012.

Così pure le regioni hanno disposto il proprio calendario scolastico regionale per il prossimo anno. La maggior parte di esse hanno previsto lo stesso giorno di inizio delle lezioni (12 settembre 2011) e lo stesso giorno di fine delle attività didattiche (9 giugno 2012).

Dal primo settembre le singole scuole predisporranno il proprio calendario nel rispetto di quello nazionale e regionale.

La direzione augura a tutto il mondo della scuola un buon anno scolastico.

Annunci

Credito scolastico: come si attribuisce

partecipazione al dialogo didattico-educativo

Il credito scolastico è la somma dei punteggi ottenuti da ogni alunno negli ultimi tre anni della scuola secondaria superiore, che, aggiunto ai punteggi conseguiti dai candidati nelle prove d’esame, contribuisce alla formazione del voto finale riportato sul “diploma di superamento dell’esame di Stato conclusivo del corso di studi di istruzione secondaria superiore”, così prevede l’art. 11 del D.P.R. n° 323 del 23 luglio 1998.

Il credito scolastico è strettamente legato alla media aritmetica dei voti riportati nelle varie discipline e nel comportamento in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Leggi il resto dell’articolo

Crediti formativi: quali esperienze?

esperienze formative in lingua francese

L’art.1 del D. M. n° 452 del 12 novembre 1998 così dispone: “le esperienze che danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi, … sono acquisite, al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport.” Inoltre è da puntualizzare che “la partecipazione ad iniziative complementari ed integrative non dà luogo all’acquisizione dei crediti formativi, ma rientra tra le esperienze acquisite all’interno della scuola di appartenenza, che concorrono alla definizione del credito scolastico”. Leggi il resto dell’articolo

Unità d’Italia: 150° anniversario – 17 marzo 2011

Altare della Patria - Roma

Italia: Repubblica, una e indivisibile

Scuole e uffici resteranno chiusi, il 17 marzo 2011, per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia.

E’ stato deciso dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 28 gennaio scorso e annunciato in conferenza stampa – al termine della riunione – dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta.

G. Garibaldi 1860

Lo stesso sottosegretario ha precisato che “La legge ha stabilito che il 17 marzo è festa nazionale, quindi non si va a scuola e non si va negli uffici pubblici. Abbiamo sottoposto stamattina in Consiglio dei ministri la legge a un’interpretazione autentica, per cui sarà festa nazionale a tutti gli effetti”. Il presidente del Consiglio – ha concluso il sottosegretario – ha firmato una direttiva, che sarà diramata alle prefetture, per la determinazione degli effetti civili.

Inoltre, come ha annunciato, il Ministro della difesa, Ignazio La Russa in conferenza stampa, si svolgerà tra il 16 e il 17 marzo la “notte tricolore” con una diretta radiofonica di tutte le iniziative in programma all’insegna di una grande festa popolare che coinvolgerà alcune città italiane con musica, incontri, spettacoli, musei aperti.

Al via le iscrizioni per l’ a.s.2011/2012

Il termine ultimo di scadenza per le iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle classi delle scuole di ogni ordine e grado,  ivi comprese quelle relative ai percorsi di istruzione e formazione professionale (qualifiche di durata triennale), è fissato al 12 febbraio 2011. Tale termine lo prevede il Ministero dell’Istruzione con Circolare n° 101 del 30 dicembre 2010. Tale provvedimento è in perfetta continuità con quello dello scorso anno e non si segnalano particolari novità, salvo il prolungamento del termine per le iscrizioni della scuola secondaria per tutto il mese di marzo. Leggi il resto dell’articolo

Legge 440/97: “cura dimagrante”.

Si assottigliano sempre di più i fondi erogati dallo Stato per l’ampliamento dell’offerta formativa, da quanto si evince dalla  Direttiva Ministeriale n° 87 dell’8 novembre 2010.

Lo stato di previsione del MIUR per l’anno 2010 disponeva per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa una somma  complessiva di € 130.213.306,00: così nel bilancio di previsione della Finanziaria approvata fine 2009.  La prima decurtazione avviene con D.L. n° 1 dell’1 gennaio 2010, successivamente convertito in legge n° 30/10, per finanziare le missioni internazionali, riducendo lo stanziamento del capitolo 1270  ad € 128.943.627,00 e successivamente con D.L. n° 125/2010, riguardante “Misure urgenti per il settore dei trasporti e disposizione in materia finanziaria”, lo stesso capitolo è stato ulteriormente ridotto di € 2.166.168,24 , portandolo  a € 126.777.458,76. Tale somma, oggetto della Direttiva Ministeriale 87/10, è la disponibilità finanziaria, per l’anno 2010, del “Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi”.

La disponibilità del Fondo viene ripartita e gestita secondo quanto previsto dalla Direttiva Ministeriale.

PENSANDO AL DISABILE

La Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione ha promosso il Progetto ICF (International Classification of Fuctioning, Health and Desease).

L’iniziativa è rivolta all’analisi dei fattori contestuali, con particolare riguardo agli elementi costitutivi del contesto scolastico, ai facilitatori e alle barriere che determinano le performances degli alunni con disabilità nelle pratiche di integrazione scolastica.

In sintesi il progetto mira a sperimentare la cultura del modello ICF come strumento culturale e concettuale al fine di buone pratiche di inclusione e di partecipazione sociale degli alunni con disabilità.

Il progetto è biennale e sarà avviato nel corrente anno scolastico con completamento previsto nell’a.s. 2011/2012.

Il bando è destinato alle istituzioni scolastiche nazionali, statali e paritarie, di ogni ordine e grado, che possono concorrere singolarmente o aggregate in rete con altre scuole e/o con Università, Enti o Associazioni (denominati “partner”). Dette  reti faranno riferimento ad una istituzione scolastica, detta “Scuola capofila”.

Il bando si rivolge sia alle scuole che hanno già avviato itinerari di ricerca in questo campo, sia a quelle che intendono organizzare le proprie attività di integrazione scolastica sulla base del modello ICF.

Ogni progetto potrà essere finanziato fino a un massimo di € 20.000,00.

Il finanziamento verrà erogato alla singola istituzione scolastica o alla scuola capofila.

I progetti dovranno essere spediti entro il 30 dicembre 2010, all’ indirizzo:

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la

Comunicazione – Ufficio VII

Viale Trastevere 76/A

00153 ROMA (RM)

Si allega il progetto in questione, il bando di partecipazione per le scuole e la scheda (allegato A) con il relativo piano finanziario di cui al bando citato.